De Feo Restauri
Via Eurialo, 72 - 00181 Roma - Italia

Telefono: (+39) 06-786475
Cellulare: (+39) 335-295383
Fax: (+39) 06-786475

Email: defeoantonio@tiscali.it
Email: info@defeorestauri.com
Email: federico@defeorestauri.com
Email: luca@defeorestauri.com

SPONSOR

Musealizzazione e Restauro Scientifico della Barca Romana di Ercolano in Ercolano Scavi. Comune di Ercolano (NA). Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei.

41 risultati trovati

1 2 3 4

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei.

La complessità del restauro risiede nel fatto che il relitto, completamente carbonizzato e, quindi, con resistenza meccanica pressoché nulla, è ancora racchiuso in un doppio strato di VTR . Poiché la struttura navale non è autoportante, dato l'elevato grado di frammentarietà del legno, non è possibile rimuovere le due valve del guscio contemporaneamente.
L'intervento di restauro nel suo complesso è eseguito in due distinte fasi, di cui l'intervento sulla superficie interna dello scafo è quella propedeutica al trasferimento del relitto sul supporto espositivo.
Inizialmente si è eseguita la rimozione della porzione di guscio della zona di prua che copre il fasciame ripiegato sull'imbarcazione ed il pannello verticale a ridosso del terreno da asportare. Questa operazione ha consentito di mettere in sicurezza le strutture dello scafo in previsione del completamento dello scavo archeologico. Alla rimozione della VTR è seguita l' eliminazione per piccoli settori dello strato di gomma siliconica e degli strati di carta giapponese e di velatino aderenti. La pulitura è stata effettuata con tamponi e solventi organici in modo da non alterare la superficie e non perdere eventuali segni di riferimento della costruzione navale.
Si è, in seguito, proceduto alla integrazione del consolidamento, ove necessario, ed al microincollaggio mediante applicazione localizzata di resina epossidica solubile in alcool delle numerosissime scaglie e porzioni di legno mobili. Sono state eseguite numerose microstuccature atte a ricostruire la continuità strutturale degli elementi dello scafo. Tali interventi sono stati realizzati con mescole epossidiche opportunamente colorate per non interferire con il colore nero di fondo dell'imbarcazione.

Opere Eseguite:

Indagini diagnostiche;
Restauro scientifico della Barca Romana;
Scavo;
Allestimento e musealizzazione della zona espositiva;
Pubblicazione e diffusione.